QUESTE STORIE NON AVVENNERO MAI MA SONO SEMPRE

Venerdì 18 giugno alle 21 sulla piattaforma zoom della Cicala Alessia Benelli e Martino Negri presentano QUESTE STORIE NON AVVENNERO MAI MA SONO SEMPRE: mito e infanzia tra opportunità educativa ed esperienza didattica.

«Queste storie non avvennero mai, ma sono sempre». Così scriveva nell’antichità Sallustio, e le sue parole non potrebbero essere più attuali. I racconti mitologici sono storie dal valore eterno, che, pur avendo una radice d’invenzione, continuano a nutrire il nostro immaginario. Negli ultimi decenni si è assistito ad un crescente interesse da parte della scuola per i racconti mitologici, il cui carattere di interdisciplinarità li rende un interessante argomento per diverse materie con differenti finalità.

Ma quali sono le relazioni che intercorrono fra i racconti mitologici e l’infanzia? E soprattutto, quali risorse educative possono potenziare o evocare le storie del mito qualora vengano fatte incontrare ai bambini all’interno di un percorso didattico nella scuola primaria?

A partire dalla presentazione di un progetto svolto in una classe quarta di scuola primaria, proveremo a rintracciare differenti strategie didattiche per avvicinare i bambini a questo genere letterario, favorendo l’emergere delle potenzialità filosofiche ed espressive che il linguaggio del mito consente.

La serata conclude la seconda edizione di FUORIPROGRAMMA, il ciclo di incontri ideato e condotto da Martino Negri. Il costo è di 10 euro. Per iscriversi basta inviare una mail a info@lacicalalibri.it o chiamare lo 039.9900755.

Alessia Benelli è insegnante di scuola dell’infanzia, laureata in Scienze della Formazione Primaria presso l’Università degli Studi di Milano Bicocca con una tesi in Didattica della Letteratura, nella quale ha tentato di rintracciare le relazioni che legano l’infanzia al genere del mito e le particolari potenzialità educative che i racconti mitologici possono offrire all’interno della scuola primaria.

2021-06-02T17:27:02+02:002 Giugno 2021|CicaZoom, Evidenza|
Torna in cima